Indice
Disponibilità: Disponibile
€ 18,00
La ricerca - arricchita da una brillante prefazione del Prof. Paolo Felice Censoni (ordinario di diritto commerciale, Università di Urbino) - affronta il problema dei crediti tributari che, pur...
Formato: Cartaceo
Anno: 2014
Edizione: 1
Pagine: 290
Stato:Vendibile
ISBN:9788866031482
Codice interno:148
La ricerca - arricchita da una brillante prefazione del Prof. Paolo Felice Censoni (ordinario di diritto commerciale, Università di Urbino) - affronta il problema dei crediti tributari che, pur emergenti nel corso del fallimento (e della liquidazione coatta amministrativa), risultano di difficile acquisizione all'attivo. Frequentemente tali crediti finiscono per essere abbandonati, pregiudicati dal disinteresse del curatore o, addirittura, lasciati nelle mani del fallito tornato in bonis. Tutto ciò con grave nocumento per la massa dei creditori, ma al tempo stesso con palese ed ingiustificato arricchimento del Fisco, che grazie alla noncuranza del curatore e/o del fallito tornato in bonis, ovvero grazie alla cancellazione ed estinzione delle società, e comunque in forza di variegati ostacoli formali e procedimentali, alla fine riesce ad evitare di erogare i rimborsi. In ambito concorsuale il problema è noto, tant'è che da tempo la pratica ha escogitato variegate soluzioni. Ma ormai, a seguito delle importanti riforme, l'art. 106 L.F. autorizza esplicitamente il curatore a cedere "i crediti, compresi quelli di natura fiscale o futuri..."; in analoga prospettiva si colloca anche l'art. 117, 3 co., L. F, secondo cui, in sede di ripartizione finale, "il giudice delegato ... può disporre che a singoli creditori che vi consentano siano assegnati, in luogo delle somme agli stessi spettanti, crediti di imposta del fallito non ancora rimborsati". Tutte le variegate soluzioni vengono vagliate sotto il profilo della legittimità e della proficuità: la cessione dei crediti in favore di società finanziarie; la presentazione di dichiarazioni anticipate; la datio in solutum in favore dei creditori; l'assegnazione del credito al fallito con residuali tutele dei creditori; l'ultrattività degli organi della procedura; il mandato irrevocabile; il trust ultrattivo e liquidatorio. Il volume è corredato da un'utile appendice di normativa, giurisprudenza e prassi amministrativa.